IARA - Italian Amateur Radio Astronomy

 ATTENZIONE: stiamo aggiornando il sito di IARA, ci vorrà un po' di tempo, vi preghiamo di pazientare un po' :)

Campo di Ricerca PULSAR

Nei giorni scorsi Mario Natali (nominativo radioamatoriale I0NAA) ha osservato con la sua parabola si 5mt di diametro la Pulsar PSR 0329+54 sulle frequenze di 409MHz e 1297MHz. Sale così a 4 il numero di radioamatori e radioastrofili  italiani che hanno osservato almeno una Pulsar.
Si tratta di un primato a livello mondiale che ci pone quindi al vertice di questa difficile attività.
Per dettagli: http://neutronstar.joataman.net/
Andrea Dell'Immagine
Recentemente sono riuscito a completare l'introduzione di software professionali nella mia catena di elaborazione dei segnali provenienti dalla Pulsar B0329+54
Questo è un notevole passo avanti in quanto consente di avvantaggiarsi dei migliori algoritmi esistenti per l'elaborazione dei dati e la presentazione dei risultati in forma standard e universalmente accettata.
Si tratta di un insieme di programmi cooperanti che girano su sistema operativo tipo Linux. In particolare:
SIGPROC implementa la funzioni base di elaborazione: dedispersione, ridizuone a sistema di riferimento baricentrico, folding.
PRESTO : è un Toolkit nato primariamente per la ricerca di Pulsar ma che può essere vantaggiosamente utilizzato anche per la ricezione di pulsar note. Può funzionare nel dominio del tempo e della frequenza e ha un efficace procedura per la mitigazione delle interferenze
TEMPO : permette di calcolare il tempo di arrivo degli impulsi,e  la frequenza di ripetizione degli impulsi.
In allegato alcune uscite standard di una mia osservazione .
0329_70_2h_PSR_0329_54.pfd : uscita PRESTO standard
timeseries_714.50ms_Cand.pfd : folding della timeseries dedispersa
1st_harm/2nd_harm : analisi spettrale della timeseries dedispersa (limitata alla fondamentale e alla prima armonica).
mask_rfifind : analisi dei disturbi (RFI)
Per una introduzione all'interpretazione degli output standard:
http://pulsarsearchcollaboratory.com/wp-content/uploads/2013/12/presto_guide.pdf
http://pulsarsearchcollaboratory.com/wp-content/uploads/2016/01/PSC_search_guide.pdf
Andrea Dell'Immagine
Per chi volesse iniziare a documentarsi sull'argomento segnalo alcuni siti interessanti
An introduction to pulsars:
http://www.atnf.csiro.au/outreach/education/everyone/pulsars/index.html
Discovery of pulsars:
http://www-outreach.phy.cam.ac.uk/camphy/pulsars/pulsars_index.htm
Pulsar astronomy:
http://www.jb.man.ac.uk/research/pulsar/Education/frontier/frontier.html
Tutorial on radio pulsars:
http://www.jb.man.ac.uk/research/pulsar/Education/Tutorial/tut/tut.html
Pulsar properties:
http://www.cv.nrao.edu/course/astr534/Pulsars.html
Per quanto riguarda la ricezione amatoriale il sito di riferimento è:
http://neutronstar.joataman.net/
molto interessante la pagina:
http://neutronstar.joataman.net/technical/amateur_challenges.html
Per quanto riguarda i libri, la "bibbia" è "Handbook of Pulsar Astronomy". Si può trovare anche usato a prezzi ragionevoli. Il livello di difficoltà è medio-alto
http://www.jb.man.ac.uk/pulsarhandbook/

Buon studio.
Andrea Dell'Immagine
Diventare un cacciatore di Pulsar senza avere antenne gigantesche? E' possibile.
All’indirizzo:
http://pulsarsearchcollaboratory.com/
trovate un interessante iniziativa educativa realizzata dal "National Radio Astronomy Observatory" e dalla "West Virginia University"
Il progetto chiamato PSC (Pulsar Search Collaboratory) si propone di dare l'opportunità a studenti di scuola superiore di fare vera ricerca.
L'obbiettivo è la scoperta di nuove Pulsar, attività piuttosto eccitante che con un pizzico di fortuna potrebbe portare anche scoperte di rilevanza scientifica.
Agli studenti si forniscono i mezzi (conoscenza e tools informatici) per analizzare le registrazioni effettuate presso il radiotelescopio Green Bank, uno dei più importanti al mondo.
I risultati non si sono fatti attendere: ad oggi sono state scoperte 7 nuove Pulsar e un “rotating radio transient”.
Qui potete trovare gli ultimi risultati:
http://pulsarsearchcollaboratory.com/home/new-pulsars-gallery/
Poter legare il proprio nome ad una nuova Pulsar è una opportunità fantastica!
Andrea Dell'Immagine
Il mio osservatorio on-line sulla pulsar B0329+54 è disponibile sul sito http://iw5bhy.altervista.org/
Segnalo due osservazioni interessanti effettuate recentemente:
8/11   : segnale eccezionalmente intenso quasi privo di scintillazione (variazioni di ampiezza) e timing molto costante.
10/11 : biforcazione presente sul waterfall display dal minuto 100 della registrazioni. Questo evento piuttosto raro significa che il segnale è arrivato da due percorsi distinti aventi diverso ritardo di propagazione. Si tratta di pochi millesimi di secondo di differenza su un viaggio di oltre 3000 anni. Questo dimostra come le pulsar siano un potente mezzo per lo studio del mezzo interstellare.
Andrea Dell'Immagine
massima
pagina facebook
 

ICARA

Ogni anno IARA organizza ICARA, Italian Congress of Amateur Radio Astronomy. Questo congresso cambia sede ogni volta e viene realizzato con l'aiuto di associazioni o gruppi che lo ospitano.
logo icara

 

Mailing List

[radio-astronomia] è la mailing-list italiana di Radioastronomia, nata per mettere in contatto gli appassionati a questa particolare branca dell'astronomia. La lista rappresenta ad oggi l'organo ufficiale di comunicazione di IARA, l'Italian Amateur Radio Astronomy.

Per iscriversi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Accesso Area Riservata

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.